Caciocavallo silano: abbinamenti, storia e caratteristiche

Il caciocavallo silano è un formaggio calabrese semiduro a pasta filata, prodotto con latte vaccino dalla forma ovale e troncoconica.

Caciocavallo silano | Prodotti Tipici

Il caciocavallo silano è un formaggio calabrese semiduro a pasta filata, prodotto con latte vaccino dalla forma ovale e troncoconica. L'origine del suo nome è dovuto all'usanza, antica quanto il formaggio stesso, di legare delle coppie di questo latticino e di appenderle a stagionare a cavallo di una trave. La sua pasta è di consistenza omogenea ed è di colore giallo paglierino.

Indice dei contenuti

Caciocavallo silano: caratteristiche

Il caciocavallo silano presenta una crosta sottile e liscia. Può essere caratterizzato da leggere insenature dovute alla legatura che esso subisce durante la stagionatura. L'odore ha un'intensità media o bassa a seconda di quanto tempo è stato lasciato a riposare. Il sapore è intenso, dolce o salato in base ai tempi di stagionatura.

La sua produzione inizia cagliando il latte fresco alla temperatura di 36-38°, utilizzando caglio in pasta di vitello. Quando essa raggiunge la consistenza desiderata, ovvero dopo alcuni minuti, viene rotta fino a ottenere pezzi delle dimensioni di una nocciola. Dopo questa fase comincia a maturare mediante una forte fermentazione lattica che dura dalle quattro alle dieci ore, ma che può persistere anche per più tempo a seconda della temperatura e dell'acidità del latte lavorato. La maturazione avviene quando la pasta è completamente filata. Durante questa fase, vengono prelevati dei campioni per verificare se questa procedura è giunta a termine o meno.

Arrivati a questo punto, si comincia a modellare la pasta fino a ottenere la forma voluta, dopodiché ogni pezzo verrà immerso in acqua bollente. Questa fase viene effettuata senza l'ausilio di particolari macchinari e ha una durata di circa 30 minuti.

Caciocavallo silano: storia

Il caciocavallo silano è uno dei formaggi più antichi del Sud Italia. Nel 500 a.C. Ippocrate citò questo prodotto per evidenziare l'abilità dei greci nel preparare i formaggi. Questo latticino viene prodotto in modo simile su buona parte della dorsale appenninica, ovvero nei territori di Basilicata, Calabria, Puglia e Molise.

Caciocavallo silano semistagionato

Caciocavallo silano: abbinamenti

  • Caciocavallo alla piastra
  • Spaghetti alla chitarra con caciocavallo
  • Frittata con caciocavallo e riso
  • Orecchiette al caciocavallo
  • Caciocavallo e pane

Il caciocavallo dà il meglio di sé a temperatura ambiente, in quanto l'odore e il sapore vengono attenuati dalle basse temperature. Esistono varie ricette che permettono di gustarlo in maniera facile e veloce. Per accompagnarlo al meglio, occorre un vino con caratteristiche diverse a seconda del periodo di stagionatura: per esempio, il formaggio giovane richiede un vino bianco delicato.

Sono consigliati coltelli con la lama spessa e larga: ogni porzione dovrebbe contenere la stessa quantità di crosta. La parte sotto di essa, che viene chiamata unghiatura, deve essere presente, ma non troppo evidente. Il prodotto va conservato in frigo, per un periodo non superiore ai 12 mesi.