Il pandoro di Verona: storia e caratteristiche di uno dei dolci natalizi più famosi d’Italia

Il pandoro di Verona è un dolce natalizio soffice e leggero, di forma troncoconica e con grandi costole verticali che lo hanno reso famoso e riconoscibile rispetto a tutti gli altri dolci tipici.

Il pandoro di Verona: storia e caratteristiche

Il Natale è sicuramente uno dei periodi più belli dell'anno dove le famiglie finalmente si riuniscono a tavola e gustano insieme piatti deliziosi. Tra questi famosi cibi sicuramente conoscerai il Pandoro, pietanza tipica veronese famosa per la sua morbidezza e per i suoi ingredienti molto semplici, ma davvero buoni.

Cos’è il pandoro di Verona e perché è così famoso

Il pandoro di Verona è un dolce natalizio soffice e leggero, di forma troncoconica e con grandi costole verticali che lo hanno reso famoso e riconoscibile rispetto a tutti gli altri dolci tipici. Gli ingredienti sono tanto semplici quanto gustosi, il pandoro è composto da un sapiente mix di zucchero, uova, burro, fior di farina, lievito e servito cosparso di zucchero vanigliato.

Per quale motivo il periodo di Natale è tanto atteso? C'è chi direbbe per le scuole chiuse, chi per le vacanze in montagna, ma chiunque è d'accordo su un fattore comune, la possibilità di gustare i dolci natalizi, di cui il Pandoro veronese è uno dei più conosciuti e apprezzati. Questo dolce tipico veronese è un alimento molto semplice ma allo stesso tempo delizioso, composto principalmente da uova, farina, burro, zucchero, un po' di panna liquida e infine della scorza di limone secondo la ricetta originale, se invece ci lasciamo abbandonare alle delizie possiamo utilizzare altri mille ingredienti e renderlo ancor più buono.

Tuttavia è molto noto che il successo di tale ricetta fu dovuto principalmente alla semplicità di questo prodotto.

Pandoro

L’origine del pandoro

La storia del Pandoro nasce numerosi secoli fa, c'è chi attribuisce la sua comparsa già prima dell’anno mille, altri invece sostengono sia apparso nel 1200 e altri ancora nel 1400.

L'unica certezza è che ufficialmente nacque a Verona dalle mani di Domenico Melegatti esattamente il 14 ottobre 1894. La comparsa di questo dolce viene attribuita esattamente in questa data poiché fu il giorno in cui venne presentato al Ministero di Agricoltura e Commercio del Regno d’Italia, solo così poteva nascere ufficialmente il marchio con l'omonimo nome. Per tali ragioni venne attribuita la nascita della pietanza a Domenico Melegatti, il quale riuscì a trovare il connubio di sapori perfetto unito ad una forma particolare, una stella con 8 punte, probabilmente studiata dall'artista veronese Angelo Dall’Oca Bianca.

La nascita del dolce tipico veronese fu una grande svolta per qualsiasi cittadino, infatti già a marzo, cioè mesi prima della sua ufficiale nascita, se ne parlava all'interno della città anche nei più illustri quotidiani locali di questa ricetta tanto buona. Il successo di questo piatto sicuramente fu dovuto al sapore che lasciava nel palato delle persone, tuttavia a rendere il tutto davvero affascinante furono i tentativi d'imitazione di tale ricetta che lo stesso Melegatti ricercò con la sfida del mille lire; infatti, secondo questa avrebbe ricompensato con quella somma chiunque fosse riuscito ad imitare la sua pietanza. Mille lire erano una cifra non di poco valore al tempo, tuttavia nessun cittadino riuscì ad emulare la sua ricetta tanto deliziosa.

La nascita di questo dolce rimane ancora misteriosa, alcuni infatti credono che tale ricetta derivi da un altro piatto tipico veronese chiamato la levà, questa veniva impastata la vigilia di Natale e aveva numerose caratteristiche in comune con il Pandoro. Anche il nome di tale ricetta risulta essere davvero curioso, si racconta che prenda questo nome da un giovane che, vedendo tagliare il dolce, sia rimasto a bocca aperta e abbia esclamato “È proprio un pan de oro!”.

Pandoro aperto

La produzione industriale e lo scontro pandoro e panettone

Una cosa è sicura, il Pandoro ebbe un enorme successo grazie alla sua deliziosa bontà che venne incentivata grazie alla sua produzione industriale e iniziò a diffondersi in tutta Italia. Fu proprio qui che iniziò il famoso scontro tra Pandoro e Panettone, il secondo infatti era uno dei prodotti tipici milanesi il quale nacque nello stesso periodo, questa rivalità di sapori portò i due piatti a sfidarsi continuamente.

Il Pandoro deve la sua incredibile fama al fatto che fu uno dei primissimi dolci veronesi ad essere prodotto in maniera industriale, così facendo la sua fama raggiunge l'intera Italia in pochissimo tempo per raggiungere poi molti altri paesi lontani, a oggi è riuscito a raggiungere anche la Cina ed essere conosciuto come dolce italiano tipico di Natale.

La provenienza di questa storia la si deve a Domenico Melegatti e il suo primo laboratorio di pasticceria dal quale nacque la ricetta, questi passò nelle mani degli eredi prendendo poi il nome di “La casa del Pandoro” che tuttora conserva questo appellativo. Uno dei simboli principali di tale edificio è proprio il Pandoro in tufo posto nella parte alta dell'edificio come ricordo di tale storia.